Legge di stabilità, nel 2014 bonus fiscale del 65% per il risparmio energetico e del 50% per le ristrutturazioni

con la legge di stabilità si è dato il via libera alla proroga fino al 31 dicembre 2014 per usufruire al 65% dei cosiddetti “ecobonus“, l’agevolazione fiscale per interventi di riqualificazione energetica, e al 50% della detrazione per le ristrutturazioni edilizie e l’acquisto di mobili (la cui spesa non può essere superiore a quella per i lavori di ristrutturazione a cui deve essere collegata)

nel dettaglio, sono state prorogate al 31 dicembre 2014:
– la detrazione al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica, quindi interventi che aumentano il livello di efficienza energetica di edifici esistenti di qualunque categoria catastale (per il 2015 è prevista una detrazione del 50%);
– la detrazione al 50% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (in base a quanto previsto dall’articolo 3 del dpr 380/2001, testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia), fino a una spesa di 96mila euro per unità immobiliare (per il 2015 è prevista una detrazione del 40%);
– la detrazione al 65% per gli interventi sismici (per il 2015 è prevista una detrazione del 50%)

ecobonus, chi può beneficiare della detrazione: tutti i contribuenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento per la riqualificazione energetica

ristrutturazioni edilizie, chi può beneficiare della detrazione: il proprietario o il nudo proprietario; il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); l’inquilino o il comodatario; i soci di cooperative divise, indivise e di società semplici; gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce; il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile, a patto che spese e bonifici risultino intestati a lui

tratto da idealista.it

Annunci